Laboratorio culturale e creativo – proseguono le attività del Kibslab

3 nuovi appuntamenti dedicati ai temi della “Narrazione e patrimonio culturale”, del “Design e artigianato digitale” e della “Filiera agroalimentare locale”

Il laboratorio culturale e creativo avviato dal KIBSlab con l’incontro del 28 aprile ultimo scorso prosegue nei giornimercoledì 11, giovedì 12 e venerdì 13 maggio, con le attività di tre gruppi di discussione (focus group) dedicati ai temi della “Narrazione e patrimonio culturale”, del “Design e artigianato digitale”, della “Filiera agroalimentare locale”e che si terranno dalle ore 16:00 alle 19:00, presso gli spazi di collaborazione (co-working) di KIBSlab.

Le persone interessate – in rappresentanza di imprese e istituzioni o come semplici cittadini – sono invitate a parlare, discutere e confrontarsi su tali temi per avviare cantieri di lavoro e progetti collaborativi nei diversi ambiti dell’industria culturale e creativa.

In particolare il focus group di mercoledì 11 maggio, dedicato al tema “Narrazione e patrimonio culturale” si concentra sulla narrazione (storytelling) territoriale, sulle tecniche di narrazione e su come connettersi con i cuori e le menti del pubblico.

 

Il focus group è aperto in particolare a chi nel Cilento si occupa di musei, archivi, biblioteche, siti archeologici, monumenti storici, arti visuali (fotografia, pittura, scultura), arti performative (musica, teatro, danza) ma anche di produzione di contenuti, informazione e comunicazione (nuovi media, web, audiovisivi, stampa, oltre a radio e televisione).

La narrazione o storytelling è inteso come uno strumento utile per sviluppare la capacità di interpretare le potenzialità attrattive, emozionali e culturali del territorio e comunicare al meglio il suo valore, e propone un uso dei media digitali che oltre al “comunicare a”, proprio dell’approccio generalista e pubblicitario, presti attenzione al “comunicare con”, partecipativo ed empatico, per costruire un reale tessuto di relazioni e d’iniziativa sul campo”.

Si tratta di uno strumento essenziale per cambiare il modo in cui la comunità locale percepisce se stessa e il territorio in cui vive, perché inizia con il cambiare la comunicazione su ciò che vediamo, ascoltiamo, sentiamo e sappiamo essere vero; un modo per vedere il potenziale del territorio, e raccontare storie potenti che ispirano l’azione.

Il focus group di giovedì 12 maggio su “Design e artigianato digitale”, collegato anche al workshop sulla fabbricazione digitale che prenderà avvio il 18 maggio, è dedicato alle pratiche di produzione collaborative dell’open-manufacturing e dell’open-design, movimenti complementari che cercano di applicare i principi di apertura e collaborazione diffusa tra gli individui nello sviluppo di prototipi e la manifattura di beni materiali, i cui attori chiave sono i cosiddetti Fabrication Laboratories (FabLabs) e Maker Space, laboratori aperti, attrezzati con strumenti tecnologicamente avanzati come stampanti 3D e cnc laser cutter, nonché macchine e strumenti più convenzionali, nati con l’aspirazione di permettere agli utenti di costruire, creare, imparare e condividere le loro produzioni e di stimolare l’innovazione diffusa. L’incontro è rivolto in particolare ad architetti, designer, artigiani, maker, imprese manifatturiere del territorio, inventori, ingegneri, informatici.

Il focus group di venerdì 13 maggio, dedicato alla “Filiera agroalimentare locale“, focalizza l’attenzione su un paradosso del Cilento che pur essendo un territorio rurale e agricolo, acquista dall’esterno, mediante la grande distribuzione organizzata, quasi il 70% dei prodotti agroalimentari che vengono consumati annualmente dalla popolazione residente.

Il confronto è orientato ad esplorare il mercato locale di prodotti agroalimentari e a immaginare soluzioni capaci di favorire l’incontro fra domanda e offerta locale

di tali prodotti.

L’incontro è aperto a chi a vario titolo opera nel settore agroalimentare e si occupa di coltivazioni agricole, enogastronomia, ristorazione, commercio all’ingrosso e al dettaglio di prodotti alimentari e bevande, servizi relativi alla distribuzione delle merci.