Cosa si intende per Innovazione Sociale?

Tra le molte definizioni di Innovazione Sociale quella più accreditata sembra essere quella fornita dall’OECD secondo cui “l’innovazione sociale fornisce nuove risposte ai problemi sociali proponendo nuovi servizi che migliorino la qualità della vita degli individui e delle comunità, contribuendo alla costruzione di un nuovo mercato del lavoro, nuove competenze e nuove forme di partecipazione”.

Tale concetto non nasce solo dal basso. È bene chiarire che storicamente si sviluppa al tempo dei governi Blair e Cameron quando a seguito delle politiche di riduzione della spesa pubblica si giunse all’indebolimento del welfare state britannico, rendendo così necessario l’intervento statale. Da qui poi l’iniziativa si diffuse in Europa e quindi anche nel nostro paese.

Le possibili dimensioni dell’innovazione sociale sono sostanzialmente tre:

  • Approccio orientato ai bisogni in cui le esigenze della comunità hanno maggiore rilievo rispetto all’economia di mercato che non riesce a rispondervi adeguatamente;
  • Approccio orientato al cambiamento sociale che è complementare al cambiamento economico e che genera nuove forme di relazione tra gli attori sociali;
  • Approccio al cambiamento sistemico che si propone di modificare i valori delle persone;

Come possiamo vedere nell’immagine, il processo tipico dell’innovazione sociale secondo “Open book of social innovation” consta di 6 fasi:

Cosa si intende per Innovazione Sociale?

Attori dell’innovazione sociale:

  • settore pubblico;
  • settore privato;
  • settore no-profit;

L’ innovazione sociale rappresenta una soluzione più efficace, efficiente e sostenibile ad un problema sociale. Essa si pone l’obiettivo di produrre valore per la società nel suo complesso piuttosto che per i singoli individui. I modi per produrre valore sono tanti e tali da rendere possibili differenti combinazioni tra i vari attori, dando vita a nuove forme di imprenditorialità come accade ad esempio nel caso delle imprese sociali che rappresentano un ibrido organizzativo.

Che ne pensi?